“Io sono molto orgoglioso di entrare in Fondazione Caffeina Cultura. Questa squadra ha una capacità di inventare novità che ho visto in pochissime altre situazioni. Li ho sempre definiti dei matti, nel senso di visionari, gagliardi”: sono queste le parole con cui al termine del consiglio direttivo di venerdì 26 luglio Carlo Rovelli ha assunto la carica di presidente di Fondazione Caffeina Cultura.

Classe 1947, nato a Viterbo e una vita da imprenditore alla guida della CR Technology Systems, Rovelli succede ad Andrea Baffo che manterrà un ruolo organizzativo di rilievo nella Fondazione viterbese, confermando immutato l’impegno profuso negli ultimi anni.

Amico e sostenitore di Caffeina da molti anni – suo, infatti, il vitale contributo da oltre 150mila euro che ha permesso la riapertura del cinema in via Cavour, oggi Teatro Libreria Bistrot Caffeina – e già presidente onorario della Fondazione Caffeina, Carlo Rovelli rilancia da oggi la sua vicinanza a tutte le sue attività diventandone guida e centro propulsore.

“Ho sempre cercato di dare una mano alle persone che fanno di più per Viterbo. Negli ultimi anni – dichiara Rovelli all’atto del suo insediamento -, Caffeina è molto cresciuta grazie agli straordinari progetti che ha saputo creare, coltivare e alimentare.

Per questa brillante inventiva il nostro marchio è ormai conosciuto ben oltre i confini della nostra città, con importanti realtà che da anni ci chiedono di mettere il nostro know how al servizio delle loro progettualità: penso a quello che facciamo a Pienza e al grande successo della proposta di Natale che tante amministrazioni locali ci propongono di esportare con richieste fin dalla Puglia, oltre ai tradizionali e sempre nuovi programmi del Festival a Viterbo, all’iniziativa per il territorio del ciclo dei Monti Cimini e alla splendida attività del Teatro e del Palazzo Caffeina.

Questo patrimonio non solo rimarrà vivo ma sarà al cuore del nostro impegno, alimentato e sviluppato in ogni direzione possibile”.

“La mia intenzione è quella di portare in Fondazione la mia esperienza di imprenditore e manager. Buona amministrazione, efficace gestione e sostegno finanziario saranno fra le nostre priorità: quanto fatto negli ultimi anni da questo ente è stato straordinario ed animato dal miglior entusiasmo e dalla più genuina buonafede.

Voglio ora mettere a sistema le grandi idee e il patrimonio di Fondazione Caffeina Cultura, fare un quadro preciso dei tanti flussi di lavoro e definire obiettivi, vecchi e nuovi, che rimangano ambiziosi e che si confermino sostenibili. Auspico anche una crescita del rapporto con il territorio”, conclude il neopresidente: “Questo è un sistema dalle potenzialità non indifferenti in cui si potrebbero creare tante cose. Sono viterbese e ho sempre rimproverato alla mia città una certa assenza di coraggio, dote che mi sembra ancora crescere con fatica”.

Andrea Baffo, presidente uscente di Fondazione Caffeina Cultura, esprime i migliori auguri di buon lavoro: “A nome di tutto lo staff e della squadra di Fondazione Caffeina Cultura do il più grande dei benvenuto a Carlo Rovelli, un amico sincero e un benefattore lungimirante che ha sempre creduto nei nostri progetti e che ha già dimostrato di voler bene alla nostra idea per Viterbo e per la cultura”.

Filippo Rossi, direttore artistico di Fondazione Caffeina Cultura, aggiunge: “Per sognare in grande servono grandi visioni e grande coraggio. Carlo Rovelli le ha entrambe. E’ grazie a queste doti che rilanceremo l’attività di Fondazione Caffeina Cultura e la nostra proposta artistica, culturale e di intrattenimento”.

Fondazione Caffeina

Carlo Rovelli – Nota biografica

Carlo Rovelli è nato a Viterbo nel 1947 e dalla città dei Papi si allontana all’età di 18 anni per costruire la sua carriera di imprenditore. Nel 1985 fonda la CR Technology Systems, azienda con base a Roma e sede operativa a Treviglio (BG), attiva nel settore della costruzione di apparecchiature per la produzione, trasformazione, distribuzione dell’energia elettrica, nella progettazione e realizzazione di reti di alta tensione e nella commercializzazione di materiale elettrico, con importanti clienti e commesse da parte di società internazionali nei mercati centro e sud americani, europei, nord e centro africani e in Medio Oriente.

Nei suoi anni alla guida della CR, Carlo Rovelli non ha mai abbandonato né l’attenzione rivolta a Viterbo né il profilo di cura territoriale e sociale delle sue attività, sia in Italia che all’estero.

Nell’ambito di queste attività di profilo umanitario e di impatto sociale rientrano la ristrutturazione completa e la dotazione farmaceutica di un padiglione oncologico pediatrico in un ospedale a Cuba, la costruzione di un impianto fotovoltaico in Costa d’Avorio e le numerose attività a Viterbo, dove Carlo Rovelli è tornato al momento della conclusione dell’impegno alla guida dell’azienda, a tutt’oggi diretta dal figlio Riccardo.

Partner storico di Fondazione Caffeina Cultura, la CR Technology Systems è l’ente che ha voluto sostenere la gran parte dei lavori di ristrutturazione dell’ex cinema e teatro San Leonardo, oggi Teatro Libreria Bistrot Caffeina o Palazzo Caffeina, sito in via Cavour 9, con una generosa donazione. Già presidente onorario di Fondazione Caffeina Cultura, dal 26 luglio 2019 Carlo Rovelli assume la carica di presidente di Fondazione Caffeina Cultura.

La Fondazione Caffeina Cultura è nata l’8 novembre 2012 grazie al contributo di 38 soci fondatori che hanno creduto in un progetto culturale di grande rilevanza per la città di Viterbo.

Associazioni imprenditoriali, aziende, privati, banche, ordini professionali, università, cooperative, ma anche semplici cittadini, si sono uniti per una causa comune: promuovere e diffondere la cultura.

In 38 hanno creduto nel fare impresa sociale e nell’investire in cultura, un bene comune imprescindibile che, all’atto pratico, crea anche un valore aggiunto per il territorio.

Caffeina Festival, pur essendo l’evento culturale più importante che la Fondazione organizza, non è l’unico. La Fondazione promuove, sviluppa, diffonde attività e iniziative a carattere culturale, artistico, scientifico, sociale, educativo, turistico e artigianale. Incontri, convegni, seminari, dibattiti, corsi di formazione e informazione; spettacoli e mostre.

Inoltre promuove attività di formazione e corsi di aggiornamento in collaborazione con istituti scolastici e università pubbliche e private, per educatori, insegnanti, operatori sociali e cittadini e per tutte le categorie professionali e non interessate alla cultura in generale

L’Assemblea dei Fondatori è composta dai Promotori oltre che dai Fondatori.

I Soci promotori della Fondazione Caffeina Cultura Onlus

Filippo Rossi
Andrea Baffo

I Soci fondatori della Fondazione Caffeina Cultura Onlus

Università degli Studi della Tuscia
Uil scuola Viterbo
CNA Associazione di Viterbo e Civitavecchia
Confartigianato Imprese Viterbo
Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione-Società cooperativa
Banca di Viterbo Credito Cooperativo Società Cooperativa per azioni
Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Società Cooperativa
Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Viterbo
Associazione “Osservatorio Legalità Viterbo”
Eta Beta di Viterbo Onlus
Associazione letteraria “Mariano Romiti” Onlus
Associazione culturale “La Spinosa”
Massimo Pistilli
Stefano Rossi
Giuseppe Berardino
Federico Brusadelli
Lina Parsi Ferri
Marcello Mariani
Daniele Cortese
Union Printing SPA
Belli SRL
Panta CZ SRL
Centro per gli Studi Criminologici Società Cooperativa
Audiotime SRL
Backstage Academy Società Cooperativa
Istituto di Vigilanza Privata della Provincia di Viterbo SRL
Mondo Informatica SRL
Fiera di Viterbo SRL
La Notte SRL
Immobiliare Med-Imm Real Estate
Terme dei Papi SPA
Ance Viterbo – Associazione Nazionale Costruttori Edili
Esklusiva
Rino Orsolini
Stefano Scatena
Gianluca Luciano
Giovanni Masotti
Myprint
C&S Europe Consulting bvba
C.R. TECHNOLOGY SYSTEMS S.P.A.
Don Gianni Carparelli
GEA Tenuta sant’Egidio
Stefano Perelli
Pietro Palazzini
Tiziano Petretti

Il Consiglio Direttivo è composto da 13 consiglieri

Carlo Rovelli – Presidente Fondazione Caffeina Cultura
Andrea Baffo – Direttivo Fondazione Caffeina Cultura
Filippo Rossi – Direttore Artistico
Giuseppe Berardino – Direttore Generale
Stefano Blanco
Sandro Brunetti
Tania Sailis
Claudio Margottini
Marcello Mariani
Stefania Palamides
Gianluca Luciano
Guglielmo Ascenzi
Giorgio Renzetti
Gianfranco Pisa

Il Presidente della Fondazione è eletto dal Consiglio Direttivo, dura in carica 5 anni e può essere riconfermato.

Egli è Presidente dell’Assemblea dei Fondatori, ha la legale rappresentanza della Fondazione di fronte ai terzi, agisce e resiste avanti a qualsiasi autorità amministrativa o giurisdizionale, nominando e revocando avvocati e procuratori, e/o altri consulenti tecnici.

In particolare, il Presidente cura le relazioni con Enti, istituzioni, imprese pubbliche e private e altri organismi, anche al fine di instaurare rapporti di collaborazione e sostegno delle singole iniziative della Fondazione.

Il Direttore Generale della Fondazione è eletto dal Consiglio Direttivo, dura in carica 5 anni e può essere riconfermato.
Egli è anche Vice Presidente della Fondazione e presiede il Consiglio Direttivo. Svolge anche attività vicaria del Presidente e cura i rapporti con eventuale personale.

L’Assemblea Generale formula pareri consultivi e proposte sulle attività, programmi ed obiettivi della Fondazione, già delineati ovvero da individuarsi.

All’Assemblea Generale viene illustrata tutta l’attività annuale e le opere della Fondazione nonché viene illustrato l’andamento del Festival Caffeina Cultura.
L’Assemblea Generale è presieduta dal Presidente Onorario della Fondazione se presente o dal Presidente della Fondazione e dallo stesso convocata, almeno una volta l’anno, in periodo non recante pregiudizio all’attività della Fondazione stessa.

L’Assemblea Generale è un momento di confronto ed analisi in cui si incontrano tutte le componenti della Fondazione su richiesta del Presidente della Fondazione o dal Direttore Generale.

Filippo Rossi – dal 08/11/2012

Annalisa Canfora – dal 29/05/2017

Annalisa Canfora, direttrice artistica del Teatro Caffeina.
Attrice, registra e autrice.

Diplomatasi nella prestigiosa Accademia Nazionale d’arte drammatica Silvio D’Amico e laureata con il massimo dei voti in Metodologia e critica dello spettacolo presso l’Università di Roma La Sapienza, ha presto iniziato una lunga e fortunata carriera come attrice di prosa.

Ha lavorato con alcuni tra i più importanti registi e attori italiani e internazionali: Giorgio Albertazzi, Anatolij Vasiliev, Luca Ronconi, Mario Martone, Mariano Rigillo, Maurizio Scaparro, Moni Ovadia e molti altri.

Per anni come attrice di prosa ha ricoperto importanti ruoli da protagonista e vinto prestigiosi premi e riconoscimenti:
Selezione miglior attrice categoria Visual del FringeFestival di Edimburgo
Miglior autrice e attrice del Concorso donna mostra donna del Teatro Ambra Iovinelli
Come autrice ha pubblicato:
L’invenzione della memoria: il Teatro di Ascanio Celestini – il Principe Costante Edizioni
L’Argot… nostro contemporaneo – La Mongolfiera Edizioni

Negli anni ha affiancato la carriera di attrice e autrice a quella di pedagoga e organizzatrice teatrale.
Attualmente è insegnante di voce dell’Accademia del Teatro Brancaccio di Roma.
Dal 2012 è direttrice artistica della sezione Teatro del Caffeina Festival.

Dirige il Teatro Incantato del Caffeina Christmas Village.